I "Big Money" e la guerra per Gaza: lo sporco gioco del WEF.


Dietro il conflitto in Palestina emergono i loschi interessi del Word Economic Forum.

Dopo una breve pausa nei combattimenti nella Striscia di Gaza, il 4 dicembre è ripresa con vigore la guerra condotta dal governo israeliano contro Hamas. Utilizzando come pretesto l'eliminazione definitiva della "minaccia terroristica", l'esercito israeliano sta dimostrando ancora una volta di non avere alcun rispetto per la popolazione civile palestinese. È evidente a qualsiasi osservatore obiettivo che non si tratta più di protezione, ma di un attacco mirato - un attacco che accetta volentieri la distruzione di decine di migliaia di vittime innocenti, tra cui migliaia di bambini. Quali sono le ragioni dietro questa mostruosa disumanità? Cosa si cela dietro di essa e, soprattutto, chi ne è responsabile? Alcuni eventi di fondamentale importanza, spesso ignorati dai media tradizionali, potrebbero rivelare la verità e avere un impatto significativo sullo sviluppo futuro del conflitto.

Rinvenimenti di gas naturale al largo di Gaza

Come è ben noto, a circa 20 miglia nautiche dalla costa della Striscia di Gaza si trovano giacimenti di gas naturale e petrolio dal valore stimato di circa 500 miliardi di dollari. I proventi di tali risorse spetterebbero ai palestinesi, tuttavia Israele li trattiene da ben 20 anni, violando il diritto internazionale. Allo stesso tempo, però, Israele è attivamente coinvolto nella produzione di petrolio e gas, soprattutto attraverso 9 diversi giacimenti nel Mediterraneo. Dal 2017, Israele è passato da importatore a esportatore di gas naturale.

Questa situazione è davvero ingiusta e rappresenta un vero e proprio atto crudele nei confronti della popolazione della Striscia di Gaza. È sconvolgente sapere che più della metà degli abitanti vive in povertà e che l'80% della popolazione dipende dagli aiuti umanitari. La verità dietro questa agenda disumana è stata in parte svelata dalle recenti informazioni emerse. Uno dei giacimenti di gas di Israele, chiamato Tamar, è gestito da una grande società statunitense: la Chevron. Pochi giorni dopo l'attacco terroristico del 7 ottobre, le esportazioni di gas attraverso il gasdotto del Mediterraneo orientale sono state sospese. In seguito, Chevron ha richiesto di esportare il gas attraverso l'Arab Gas Pipeline, che collega un'altra piattaforma offshore israeliana chiamata Leviathan sia alla Giordania che all'Egitto. Questi fatti rivelano una situazione molto preoccupante e meritano di essere approfonditi per garantire una giustizia equa per la popolazione della Striscia di Gaza.

Alleanze in primo piano

La regina Rania di Giordania
La regina Rania di Giordania
Questa situazione dovrebbe attirare la vostra attenzione, poiché dimostra chiaramente che durante una guerra ci sono alleanze di cui il pubblico sa molto poco, e per una buona ragione: non è necessario che sappia chi trae vantaggio dalla guerra dietro le quinte.

Esaminiamo quindi più da vicino le parti coinvolte.

Egitto e Israele hanno combattuto diverse guerre in passato e non sono considerate nazioni amiche. Nelle ultime settimane, la regina Giordana, Rania (immagine a sinistra), ha espresso più volte sulla sua pagina Instagram la sua solidarietà nei confronti dei palestinesi e il suo rifiuto della politica bellicosa di Israele. Nonostante ciò, questa rappresentazione pubblica viene smentita da un legame tra gli attori che raramente viene menzionato. Tanto il primo ministro israeliano Netanyahu quanto il capo di Stato egiziano, il generale Al Sisi, compresa la regina di Giordania sono indicati come collaboratori del programma del World Economic Forum (WEF).

Larry Fink CEO di Blackrock
Larry Fink CEO di Blackrock
Ma la regina Rania di Giordania non solo contribuisce, ma è addirittura membro del consiglio di amministrazione del WEF da molti anni. Tuttavia, non è tutto qui. Con un fatturato previsto di circa 250 miliardi di dollari nel 2022, Chevron non rappresenta soltanto una delle principali compagnie petrolifere globali, ma è anche strettamente associata al WEF in qualità di partner strategico. E non è tutto: Il principale possessore di azioni di Chevron, insieme al suo azionista Vanguard, è addirittura il più grande gestore di patrimoni al mondo, BlackRock. Il suo fondatore e CEO Larry Fink è anche membro del consiglio di amministrazione del WEF insieme alla regina Rania dal 2019. E come se non bastasse: Le principali aziende di armi degli Stati Uniti sono i principali fornitori di armi di Israele, di cui BlackRock e Co. sono anche i principali azionisti.


Programmi di aiuto e licenze

Tuttavia, le forniture di armi dichiarate come pacchetti di assistenza non sono finanziate da organizzazioni benefiche o da miliardari che simpatizzano per Israele, ma dal contribuente americano, ovvero principalmente dalla classe media americana, attraverso i cosiddetti pacchetti di assistenza.

Rishi Sunak, Primo Ministro britannico
Rishi Sunak, Primo Ministro britannico
L'ultimo pacchetto di assistenza, del valore di 13 miliardi di dollari, è stato richiesto lo scorso ottobre dal Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che è anche un sostenitore e collaboratore dell'agenda del WEF. Tuttavia, le connessioni non si fermano qui...

Il 31 ottobre, cinque giorni prima della fine della tregua e dell'inizio dei nuovi attacchi contro la Striscia di Gaza, il governo israeliano ha concesso 12 licenze per l'esplorazione del gas naturale nelle sue acque a sei diverse compagnie. La più importante di queste è British Petroleum (BP). BP è anch'essa un partner strategico del WEF (sono 120 i partener strategici di quella organizzazione) che ha stipulato un accordo da 1,5 miliardi di dollari con l'azienda informatica indiana Infosys nel maggio 2023.
Ma chi è Infosys? Avete indovinato? Esatto è un altro un partner strategico del WEF, ma non solo il suo co-fondatore, il miliardario Narayana Murthy, è ovviamente un collaboratore del WEF, ma, pensa a volte il caso, è anche il suocero del Primo Ministro britannico Rishi Sunak, che a sua volta è uno dei Giovani Leader Globali del WEF.

L'ennesima manovra ingannevole 

Un ulteriore particolare che dimostra come il popolo palestinese venga costantemente ingannato, non solo dal governo israeliano, ma anche dai propri leader, è il seguente: "Nel periodo 2021-22, Egitto e Israele hanno partecipato a colloqui segreti bilaterali riguardanti l'estrazione di gas naturale al largo della Striscia di Gaza" (fonte: al-monitor.com).

Mahmoud Abbas, il leader dell'Autorità Palestinese
Mahmoud Abbas, il leader dell'Autorità Palestinese
Nel mese di giugno del 2023, il primo ministro israeliano Netanyahu ha assicurato che lo sfruttamento del giacimento di gas al largo di Gaza sarebbe stato affidato alla società statale egiziana EGAS, inaspettatamente in accordo con l'Autorità Palestinese. Questo apparente accordo politico si rivela, tuttavia, l'ennesima mossa ingannevole da parte dei collaboratori del WEF, poiché anche Mahmoud Abbas, il leader dell'Autorità Palestinese e oppositore di Hamas, è un collaboratore del WEF.

Purtroppo, è una realtà triste: come spesso accaduto in passato, anche nel caso di Gaza, l'opinione pubblica mondiale viene manipolata, facendo credere che la questione cruciale in caso di guerra siano questioni diverse dai puri interessi materiali e finanziari. In realtà, ciò che conta realmente è chi manovra dietro le quinte e chi grazie alla guerra si arricchisce smisuratamente a spese di milioni di vittime innocenti.

Supporto a B17tv

IL TUO SUPPORTO È FONDAMENTALE PER MANTENERE ACCESA B17tv.

DONAZIONI in Giugno 2024
0
/ 1500€
Dal 1° Giugno, B17tv ha raccolto 320 EURO, ovvero circa il 21,3% del budget mensile necessario per portare avanti il lavoro di B17tv.
SOSTENITORI in Giugno 2024
0 sostenitori

💖 Grazie per il tuo sostegno! 💖

Scegli come sostenere B17tv
- Una Tantum - Abbonamento - CriptoValuta -

Dona una Tantum

* Dona in Abbonamento
* Potrai sempre disdire l'abbonamento in qualsiasi momento vorrai tramite il seguente link
- Disdici il mio Abbonamento -
oppure contattando direttamente B17tv.com
Dona CriptoValuta

Bitcoin:



Ether - ₮ Tether - $ USDC - Tokens (ERC-20):



₳ Cardano:




Non ci sono commenti.

          CAPTCHA

          Preferenze Cookie e accettazione dei termini sulla Privacy

          Questo sito utilizza cookie per garantire la fruizione dei contenuti digitali e per facilitare la navigazione e, previo consenso dell'utente, cookie e strumenti equivalenti, anche di terzi, per accedere ad altre funzioni.
          Facendo click sul pulsante seguente accetti l'utilizzo di tali strumenti, i nostri termini di servizio e l'informativa sulla Privacy di B17tv.com