Aleksandr Dugin: l’Umanità è multipolare, l’Umanità siamo noi

Aleksandr Dugin l’Umanità è multipolare, l’Umanità siamo noi

Il Forum del multipolarismo: un ponte tra culture e idee

Versione audio dell'articolo:
Aleksandr Dugin l’Umanità è multipolare, l’Umanità siamo noi.
Durata: 11min e 22sec

Il Forum del multipolarismo, tenutosi a Mosca dal 26 al 27 febbraio 2024, ha visto la partecipazione di oltre 300 intellettuali rappresentanti 130 paesi di tutto il mondo, evidenziando ancora una volta la falsità della narrazione diffusa dai media occidentali che ritraggono la Russia come isolata e condannata dalla comunità internazionale per il suo intervento militare in Ucraina.

Questo evento di grande interesse si è concentrato sulla discussione di questioni chiave nelle relazioni internazionali, nella politica e nella diplomazia, offrendo un'opportunità unica per lo sviluppo del dialogo e lo scambio di opinioni su temi attuali legati alla politica globale.

Durante il Forum, sono stati affrontati i temi di un mondo multipolare, le nuove sfide e le opportunità per lo sviluppo globale. I partecipanti hanno analizzato il ruolo dei diversi Stati e regioni nel mondo, le strategie di cooperazione e conflitto, nonché le moderne tendenze nelle relazioni internazionali.

Nel corso della conferenza sono state organizzate discussioni, sessioni plenarie, seminari e tavole rotonde. I partecipanti hanno avuto l'opportunità di condividere le proprie esperienze, conoscenze e idee, contribuendo così a rafforzare i legami e a creare nuove partnership. Questa iniziativa avrà sicuramente un impatto significativo sulla politica, la cultura e la diplomazia globale, promuovendo una maggiore cooperazione e comprensione internazionale.

Nel presente articolo, riporterò solo l'intervento di apertura del Professor Aleksandr Dugin. Tuttavia, ti incoraggio a esplorare e ascoltare tutti gli argomenti discussi durante il Forum presenti su vari canali social (YouTube compreso) in modo da ampliare la tua conoscenza e consapevolezza su ciò che accade e su ciò di cui si discute realmente nel resto del mondo.

L'intervento di Aleksandr Dugin (fonte X):

Edward Snowden On Bitcoin
- Mosca 2024 - L'intervento di A.Dugin al Forum del multipolarismo
"Il mondo multipolare rappresenta innanzitutto una visione filosofica. Al centro di questa visione si trova una critica all'universalismo occidentale.
L'Occidente si è identificato in modo razzista e imperialista con l'intera umanità. In passato, la Gran Bretagna affermava che tutti i mari e gli oceani fossero di sua proprietà. La civiltà occidentale ha dichiarato di possedere l'intera umanità, in particolare la sua coscienza. Questo ha portato alla formazione di un mondo unipolare.
In questo mondo, esistono solo valori occidentali:

  • Un solo sistema politico: la democrazia liberale.
  • Un solo modello economico: il capitalismo neoliberale.
  • Una sola cultura: il postmodernismo.
  • Una sola concezione di genere e di famiglia: LGBT.
  • Una sola visione dello sviluppo: la perfezione tecnologica fino al post-umanesimo e alla completa sostituzione dell'umanità con l'intelligenza artificiale e i cyborg.

Secondo i sostenitori del mondo unipolare, questo rappresenta il "trionfo della storia mondiale", la completa vittoria dell'era occidentale moderna - il liberalismo, che è diventato l'unica e indiscutibile ideologia per l'intera umanità.
Il multipolarismo, invece, è una filosofia alternativa. Si basa su un'obiezione fondamentale: l'Occidente non rappresenta l'intera umanità, ma solo una parte di essa, una regione, una provincia. Non è la sola civiltà, ma una tra le tante civiltà. Oggi esistono almeno sette civiltà di questo tipo, da qui deriva il concetto più importante della teoria multipolare: l'eptarchia.

Alcune civiltà sono già unite in enormi Stati continentali, Stati-civiltà o wénmíng guójiā (文明国家). Per altri, questo deve ancora arrivare. L'Occidente collettivo, i Paesi della NATO e i vassalli degli USA sono solo uno dei poli.
Gli altri tre sono:

  • Russia-Eurasia
  • Grande Cina (Zhōngguó 中国) o Tiānxià (天下)
  • Grande India.

Sono tutti Stati-civiltà, il che significa che sono qualcosa di più dei semplici Paesi.

Poi ci sono altri tre grandi spazi, più o meno integrati:

  • Il mondo islamico, strettamente legato dalla religione ma finora politicamente disunito
  • l'Africa nera trans-sahariana
  • l'ecumene latinoamericana

Tutte e sette queste civiltà hanno profili religiosi completamente diversi, sistemi di valori tradizionali diversi, vettori di sviluppo diversi e identità culturali diverse.
La civiltà occidentale, contrariamente alle sue pretese, è solo una di esse. Arrogante, audace, aggressiva, ingannevole, predatoria e pericolosa. Tuttavia, le sue pretese di universalismo sono prive di fondamento e il suo dominio si basa su due pesi e due misure.
Il multipolarismo non si oppone all'Occidente in sé, ma in particolare alle sue pretese di unicità e universalità. Queste pretese non ci sono estranee, permeano tutti i sistemi della nostra cultura, della scienza e dell'educazione.

L'Occidente, con la sua ideologia tossica, si è infiltrato nelle nostre società, ha sedotto e corrotto le élite, ha posto la nostra società sotto il proprio controllo informativo e ha cercato di allontanare i nostri giovani dalla fede e dalla tradizione.

Tuttavia, l'epoca dell'egemonia globale dell'Occidente è terminata. La sua fine è stata segnata dall'atteggiamento della Russia e in particolare dal nostro Presidente Vladimir Vladimirovich Putin, quando abbiamo rifiutato di sacrificare la nostra sovranità e siamo entrati in una lotta mortale con l'Occidente in Ucraina. Stiamo combattendo in Ucraina non contro gli ucraini, ma contro il mondo unipolare. E la nostra inevitabile vittoria non sarà solo nostra, ma di tutta l'umanità, che vedrà chiaramente che il potere dell'Occidente non è assoluto, che la sua politica neocoloniale e di de-sovranizzazione può essere respinta con fermezza e che è possibile difendere la propria posizione.

La Russia è uno dei poli del mondo multipolare. Non si tratta di un ritorno al vecchio modello bipolare, ma dell'inizio di una nuova architettura mondiale completamente diversa.

La rapida crescita dell'economia cinese e il rafforzamento della sovranità cinese, soprattutto sotto la guida di un grande leader come Xi Jinping, hanno trasformato la Cina in un altro polo completamente indipendente. Di fronte a ciò, l'Occidente, rappresentato dall'élite globalista degli Stati Uniti, ha immediatamente dichiarato una guerra commerciale contro di essa.

Il mondo islamico ha sfidato l'Occidente soprattutto nella sfera religiosa e culturale. I valori occidentali, che richiedono apertamente la distruzione delle tradizioni, della famiglia, del genere, della cultura e della religione, sono incompatibili con i fondamenti dell'Islam. Questo è compreso oggi da ciascuno dei quasi due miliardi di musulmani. E oggi il mondo islamico è coinvolto in una guerra con l'Occidente globalista, in Palestina, in Medio Oriente, dove si sta verificando un vergognoso genocidio del popolo palestinese, con l'uccisione di bambini, donne e anziani palestinesi, con la totale approvazione dell'Occidente.

L'India è un altro polo. Oggi, soprattutto sotto il governo di Narendra Modi, è un'intera civiltà che sta tornando alle sue radici vediche, alla sua antica tradizione, alle sue fondamenta. Non è più una colonia culturale ed economica dell'Occidente, ma un gigante mondiale in ascesa.

L'Africa e l'America Latina stanno seguendo metodicamente e coerentemente, anche se non senza problemi, lo stesso percorso.

Il movimento pan-africano sta aprendo la strada a un'integrazione africana unitaria e completa, libera dal controllo neocoloniale. Si tratta di una nuova teoria, di una nuova pratica, che incorpora gli aspetti migliori delle precedenti fasi della lotta di liberazione, ma che si basa su una filosofia diversa, in cui la religione, lo spirito e i valori tradizionali giocano un ruolo cruciale.

Anche in America Latina si prosegue nella lotta anticoloniale. Qui le popolazioni cercano nuove strade per consolidarsi e unirsi, superando modelli obsoleti che dividevano tutti in destra e sinistra. In molti Paesi latinoamericani, sostenitori dei valori tradizionali, della religione e della famiglia si uniscono a coloro che combattono per la giustizia sociale sotto la bandiera di una lotta comune, contro il neocolonialismo dell'Occidente collettivo e la sua cultura anti-umana.

Il mondo multipolare oggi non è solo un'utopia o un progetto teorico. Sei civiltà su sette (dell'eptarchia planetaria) si sono unite in un nuovo blocco all'interno dei BRICS. Ognuna di esse è rappresentata. Stiamo assistendo all'istituzionalizzazione del multipolarismo. La Grande Umanità si sta unendo, si sta comprendendo e sta iniziando ad armonizzare le sue tradizioni, orientamenti, sistemi di valori tradizionali e interessi.

Solo l'Occidente collettivo, che cerca disperatamente di mantenere la propria egemonia, rifiuta categoricamente di partecipare a questo inevitabile processo multipolare. Si oppone, complotta e provoca conflitti. Effettua interventi. Cerca di soffocare ogni focolaio di indipendenza con sanzioni e pressioni dirette. E se ciò non funziona, si impegna in un confronto militare diretto, come in Ucraina, a Gaza e domani forse anche nel Pacifico.

Tuttavia, l'Occidente non è monolitico. Esistono due Occidenti. L'Occidente globalista delle élite liberali e l'Occidente tradizionale, quello dei popoli e della società. Lo stesso Occidente tradizionale soffre della tirannia dei globalisti perversi e cerca, dove può, di ribellarsi. I popoli dell'Occidente non sono nemici del mondo multipolare. Sono soprattutto vittime. Come dimostrato dall'intervista del nostro Presidente al politico e giornalista conservatore Tucker Carlson, tra la Russia e gli antiglobalisti statunitensi c'è molto più in comune di quanto sembri.

Pertanto, la vera vittoria del multipolarismo non sarà la sconfitta dell'Occidente collettivo, ma la sua salvezza, il suo ritorno ai propri valori tradizionali (non perversi) occidentali, alla sua cultura (non alla cancellazione della cultura), alle sue radici classiche greco-romane e cristiane. Credo che i popoli liberati dal giogo globalista del vero Occidente si uniranno un giorno alla Grande Umanità, diventando un polo rispettato del mondo multipolare. Smettere di essere un egemone è nell'interesse non solo di tutte le civiltà non occidentali, ma anche dell'Occidente stesso.

Do il benvenuto a tutti i partecipanti al nostro Forum. Siamo qui riuniti per costruire il futuro, per comprendere il presente e per salvare il nostro glorioso passato, garantendo la continuità della cultura.

Siamo diversi, speciali, unici, autosufficienti, sovrani: l'umanità siamo noi!"

Supporto a B17tv

IL TUO SUPPORTO È FONDAMENTALE PER MANTENERE ACCESA B17tv.

DONAZIONI in Aprile 2024
0
/ 1500€
Dal 1° Aprile, B17tv ha raccolto 17,5 EURO, ovvero circa il 1,1% del budget mensile necessario per portare avanti il lavoro di B17tv.
SOSTENITORI in Aprile 2024
0 sostenitori

💖 Grazie per il tuo sostegno! 💖

Scegli come sostenere B17tv
- Una Tantum - Abbonamento - CriptoValuta -

Dona una Tantum

* Dona in Abbonamento
* Potrai sempre disdire l'abbonamento in qualsiasi momento vorrai tramite il seguente link
- Disdici il mio Abbonamento -
oppure contattando direttamente B17tv.com
Dona CriptoValuta

Bitcoin:



Ether - ₮ Tether - $ USDC - Tokens (ERC-20):



₳ Cardano:




Non ci sono commenti.

          CAPTCHA

          Preferenze Cookie e accettazione dei termini sulla Privacy

          Questo sito utilizza cookie per garantire la fruizione dei contenuti digitali e per facilitare la navigazione e, previo consenso dell'utente, cookie e strumenti equivalenti, anche di terzi, per accedere ad altre funzioni.
          Facendo click sul pulsante seguente accetti l'utilizzo di tali strumenti, i nostri termini di servizio e l'informativa sulla Privacy di B17tv.com