Scoot Ritter: Riposa in pace, America

Scoot Ritter: Riposa in pace America

Elegía al Silenzio

Versione audio dell'articolo:
Scoot Ritter: Riposa in pace America.
Durata: 10min e 16sec

Avevo programmato di pubblicare la seconda parte del mio articolo su Alexei Navalny.

Tuttavia, oggi (2 Marzo 2024) la salma di Alexei Navalny è stata sepolta dopo un funerale a Mosca al quale hanno partecipato diverse migliaia di sostenitori.

Mia moglie mi ha sempre consigliato di non parlare male dei defunti. Specialmente nel giorno in cui i loro resti vengono restituiti alla terra. Pertanto, mi trovo costretto a scrivere su un altro argomento.
È il funerale che non si terrà mai. L'annuncio funebre che non verrà mai letto. L'elogio funebre che non sarà mai pronunciato.
Di chi piango la scomparsa?
Della mia.
Quella della mia famiglia.
Dei miei amici.
Dei miei concittadini americani.
Dell'umanità.

Il modo in cui moriremo ci sarà rivelato solo troppo tardi, probabilmente in un lampo di luce accecante che ci getterà in ginocchio, in attesa dell'onda d'urto che precede il calore insopportabile che trasformerà istantaneamente, la nostra carne e le nostre ossa, in cenere.

Robert Oppenheimer
Robert Oppenheimer, fisico teorico americano. Fu direttore del Laboratorio Los Alamos del Progetto Manhattan che realizzò la prima bomba atomica
Non possiamo dire di non essere stati avvertiti della nostra imminente fine: da quando Robert Oppenheimer si è proclamato: "Morte, il distruttore di mondi". Sappiamo di possedere il meccanismo della nostra stessa distruzione, eppure non abbiamo fatto nulla per eliminare questo pericolo dalle nostre vite.

Invece, abbiamo continuato a perfezionare la più terribile delle armi, ideando testate ancora più letali e sistemi di lancio più efficienti con cui lanciarle verso i nostri nemici, pur sapendo che qualsiasi uso su larga scala di queste armi avrebbe segnato la nostra fine.

Per un breve istante, abbiamo compreso la follia del cammino che avevamo intrapreso e ci siamo impegnati a riportare l'intelligenza nella sua giusta dimensione, a cambiare rotta, a salvare noi stessi e coloro che ci sono simili.

Nonostante ciò, l'arroganza si è manifestata e, una volta che la fonte della nostra preoccupazione nucleare - l'Unione Sovietica - è scomparsa dalla scena storica, abbiamo cercato di sfruttare il nostro nuovo ruolo di potenza globale indiscussa, dotata di armi nucleari, annunciando la fine della Storia e promuovendo noi stessi e il nostro sistema politico al resto del mondo.
Questo esercizio intellettuale avrebbe reso orgoglioso Darwin, rappresentando l'apice dello sviluppo umano.

Ma in un istante, quel momento è svanito, dissolto insieme agli edifici della nostra esistenza capitalista, quando angoli remoti del pianeta si sono ribellati alla nostra arrogante autoincoronazione. Abbiamo cercato di conquistare un mondo che non tollerava più di essere conquistato, di dominare popoli che si rifiutavano di piegare il ginocchio, nascondendoci sempre dalla realtà del nostro potere atrofizzato dietro un arsenale nucleare invecchiato, illudendoci che fosse ancora supremo.

Nella nostra arroganza, ci siamo allontanati dai processi di controllo degli armamenti che un tempo utilizzavamo per garantire la nostra sopravvivenza. Ci siamo ritirati dal trattato sui missili anti-balistici che conferiva valore alla deterrenza della distruzione reciproca, ritenendo che l'unica distruzione da assicurare fosse quella dei nostri nemici, reali e immaginari.

Ci siamo ritirati dal trattato sulle forze nucleari intermedie, dimenticando che il motivo per cui vi avevamo aderito era quello di eliminare una delle armi più destabilizzanti in Europa nel tentativo di garantire la pace. Invece, abbiamo cercato di reintrodurre queste armi destabilizzanti, sicuri della nostra errata convinzione che i nostri nemici non sarebbero stati in grado di eguagliare la nostra potenza militare.

E abbiamo negoziato, in malafede, una serie di trattati di riduzione degli armamenti strategici, cercando il vantaggio strategico, quando avremmo dovuto cercare la stabilità strategica.

Il bersaglio della nostra arroganza, la Russia e il suo leader Vladimir Putin, hanno cercato invano di dissuaderci dal percorso che stavamo seguendo.

Vladimir Putin parla alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco, febbraio 2007
Vladimir Putin parla alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco, febbraio 2007
Nel 2007, parlando alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco, Putin ha ammonito l'America affermando che avesse: "oltrepassato i suoi confini nazionali in ogni modo. Questo è visibile nelle politiche economiche, culturali ed educative che gli USA impongono ad altre nazioni. Ebbene, a chi può piacere tutto questo? Chi è contento di questo?".

Di conseguenza, Putin aggiunse: "Nessuno più si sente al sicuro. Voglio sottolinearlo: nessuno si sente più al sicuro! Perché nessuno crede più che il diritto internazionale sarà il muro di pietra che lo proteggerà. Naturalmente, una politica del genere stimolerà la corsa agli armamenti".

Lo abbiamo ignorato.

Al contrario, abbiamo persuaso i nostri partner europei riguardo ai pericoli illusori di una Russia "espansiva", mentre allo stesso tempo abbiamo minimizzato i pericoli reali di un arsenale nucleare russo che stava rinascendo: tutto ciò di cui aveva bisogno era un piccolo spintone nella giusta direzione, che siamo stati troppo felici di fornire, ignorando le preoccupazioni russe sulla difesa missilistica.

Così, nel 2018, "i volatili nucleari sono tornati nel cortile". Citando il nostro disprezzo per le convenzioni sul controllo degli armamenti, Vladimir Putin annunciò che la Russia stava sviluppando una nuova generazione di armi nucleari in grado di superare qualsiasi difesa che gli Stati Uniti si stavano preparando a schierare. "Non avete ascoltato il nostro Paese allora", ha detto Putin, riferendosi ai suoi avvertimenti passati sui pericoli di una corsa agli armamenti. "Ascoltateci ora".

Non l'abbiamo fatto.

Invece, abbiamo eccitato i nostri alleati europei, alimentando il fuoco del conflitto con esagerazioni sia sulla minaccia rappresentata dalla Russia, sia sulla capacità dell'Europa - attraverso la NATO - di sconfiggere questa minaccia, soprattutto se il mezzo per mettere in ginocchio la Russia fosse stato un conflitto per procura in Ucraina.

Che effetti causerebbe una guerra nucleare tra Russia e Stati Uniti?
Che effetti causerebbe una guerra nucleare tra Russia e Stati Uniti?

I nostri partner europei hanno svolto il loro compito in modo eccellente, forse anche troppo. Convinti che la Russia costituisse una minaccia esistenziale per la sopravvivenza dell'Europa, fiduciosi nella sicurezza offerta dall'ombrello nucleare americano, l'Europa è caduta vittima di una narrazione costruita artificialmente, credendo che una vittoria russa in Ucraina avrebbe messo veramente a rischio la stessa esistenza del continente. Hanno scelto di minimizzare i pericoli, rappresentati dall'arsenale nucleare russo, confortati da un falso senso di sicurezza, derivante dall'ignorare le capacità che la Russia affermava di possedere, decidendo quindi di intraprendere una strada che portava al confronto con la Russia sul suolo ucraino. E questo nonostante la Russia avesse dichiarato che, superare quella linea rossa, avrebbe inevitabilmente condotto a un conflitto nucleare.

"Si è discusso della possibilità di inviare contingenti militari della NATO in Ucraina", aveva osservato il leader russo, in un discorso tenuto al Parlamento russo giovedì 29 febbraio 2024. "Ma noi ricordiamo bene il destino di coloro che in passato hanno inviato le loro truppe sul nostro territorio. Ma ora le conseguenze per gli eventuali interventisti saranno molto più tragiche. Devono capire che anche noi abbiamo armi in grado di colpire obiettivi sul loro territorio. Tutto ciò minaccia davvero un conflitto con l'uso di armi nucleari e la distruzione della civiltà. Non lo capiscono?".

A quanto pare, no.

Quindi, onore al merito all'esperimento americano.

Nato il 4 luglio 1776.
Morto...? Non lo sapremo mai.

È stata unione imperfetta, che ha cercato di migliorarsi, combattendo una rivoluzione per liberarsi dalla tirannia della corona britannica, ma mantenendo la schiavitù come istituzione costituzionalmente approvata. Gli Stati Uniti hanno poi affrontato una guerra civile sanguinosa per porre fine all'orrore della schiavitù e preservare l'Unione, perseguendo nel contempo il loro: "destino manifesto", autoproclamato da Dio, che ha portato quasi all'estinzione le popolazioni indigene che abitavano un continente, da noi conquistato. Siamo poi intervenuti in aiuto dell'Europa non una, ma due volte, nel corso di un secolo, contribuendo a sconfiggere le forze del fascismo e dell'imperialismo, per poi diventare noi stessi fascisti, nelle nostre politiche interne che sostengono le nostre politiche imperialistiche all'estero.

America, la magnifica. Dio ha riversato la sua grazia su di te.

Questo è il tributo che non potrò mai rendere, perché come tutti voi sono destinato a morire in un olocausto nucleare di nostra creazione.
Abbiamo intrapreso un viaggio collettivo la cui unica destinazione è la morte. La distruzione.

Abbiamo ignorato, a nostro rischio e pericolo, gli sforzi di coloro che, in patria e all'estero, hanno cercato di indirizzarci verso una strada alternativa.

Mi sarebbe piaciuto che sulla mia lapide fosse inciso l'epitaffio: "Qui riposa un combattente per la pace, che ha dedicato la sua vita alla causa di rendere il mondo un posto più sicuro in cui vivere".

Purtroppo, io, così come tutti voi che state leggendo queste parole, sono destinato a morire in una guerra che poteva essere evitata se soltanto ci fossimo impegnati di più per prevenirla.

La vergogna è che, nel momento in cui saremo consapevoli dell'imminente fine e realizzeremo cosa significa, tutti noi penseremo: "Se solo avessi...".

Ma sarà troppo tardi perché... non l'abbiamo fatto.

Washington 1961 - Il presidente Dwight Eisenhower mette in guardia l'America sui pericoli del complesso militare industriale
- Washington 1961 - Il presidente Dwight Eisenhower mette in guardia l'America sui pericoli del complesso militare industriale

Abbiamo permesso che il pericolo, rappresentato dal nostro complesso militare-industriale, di cui il presidente Dwight Eisenhower ci aveva messo in guardia, prendesse forma.

Siamo stati indifferenti alla sua onnipresenza, persino quando il nostro stesso governo ci informava che la ragione, per perseguire il nostro percorso suicida di distruzione con la Russia in Ucraina, era il profitto per la nostra industria bellica.

Ma non c'è profitto nella morte.

Quindi: "Riposa in pace, America".

E che Dio ci condanni tutti all'inferno, per aver distrutto ciò che ci aveva donato come eredità.

Supporto a B17tv

IL TUO SUPPORTO È FONDAMENTALE PER MANTENERE ACCESA B17tv.

DONAZIONI in Aprile 2024
0
/ 1500€
Dal 1° Aprile, B17tv ha raccolto 17,5 EURO, ovvero circa il 1,1% del budget mensile necessario per portare avanti il lavoro di B17tv.
SOSTENITORI in Aprile 2024
0 sostenitori

💖 Grazie per il tuo sostegno! 💖

Scegli come sostenere B17tv
- Una Tantum - Abbonamento - CriptoValuta -

Dona una Tantum

* Dona in Abbonamento
* Potrai sempre disdire l'abbonamento in qualsiasi momento vorrai tramite il seguente link
- Disdici il mio Abbonamento -
oppure contattando direttamente B17tv.com
Dona CriptoValuta

Bitcoin:



Ether - ₮ Tether - $ USDC - Tokens (ERC-20):



₳ Cardano:




Non ci sono commenti.

          CAPTCHA

          Preferenze Cookie e accettazione dei termini sulla Privacy

          Questo sito utilizza cookie per garantire la fruizione dei contenuti digitali e per facilitare la navigazione e, previo consenso dell'utente, cookie e strumenti equivalenti, anche di terzi, per accedere ad altre funzioni.
          Facendo click sul pulsante seguente accetti l'utilizzo di tali strumenti, i nostri termini di servizio e l'informativa sulla Privacy di B17tv.com