L'esercito russo mantiene l’iniziativa.

Kiev a corto di munizioni

La settimana scorsa, Kiev ha tentato di vendicarsi degli attacchi devastanti alle infrastrutture militari con attacchi di rappresaglia nella penisola di Crimea. Nonostante il coordinamento diretto e il forte sostegno della NATO, tutti i tentativi di infliggere almeno qualche danno alla penisola sono stati respinti dalle forze di difesa aerea russe. Ora è il turno della Russia di contrattaccare.

La nuova settimana è iniziata con una nuova ondata di attacchi massicci in tutta l'Ucraina. Nella notte dell'8 gennaio, i droni russi hanno colpito strutture militari nella regione di Odessa, tra cui le infrastrutture portuali e l'aeroporto di Shkolny. Kharkiv ha subito un altro attacco devastante.

L'obiettivo principale era il quartiere Kiev della città, dove si trovano quattro grandi impianti. Nelle prime ore del mattino, almeno 11 bombardieri strategici russi avrebbero effettuato una sortita di combattimento. I media ucraini e i funzionari locali hanno confermato grandi esplosioni nelle regioni di Kiev, Zhytomyr, Khmelnitsky e Kharkiv, nonché a Krivyi Rig, Dnipro e Zaporizhia.

L'esercito ucraino lamenta che gli attacchi russi sono accompagnati dal lancio di numerosi falsi obiettivi, che distraggono le forze di difesa aerea ucraine e le costringono a utilizzare i loro limitati missili antiaerei. Tra i massicci attacchi in corso, si combatte sui campi di battaglia ucraini, dove l'esercito russo ha il vantaggio in tutte le direzioni. A seguito del successo delle operazioni offensive, le truppe russe hanno preso il controllo di nuove posizioni nella città di Avdeevka. La parte ucraina ha riconosciuto che gli attacchi russi sono in corso in una ventina di aree intorno alla città e nella stessa Avdeevka.

Nuove infrastrutture sono state acquisite dai russi nell'area dell'impianto chimico e di coke a nord della città. I russi stanno avanzando verso via Michurin nella direzione nord-est. La loro offensiva si estende anche lungo le strade vicine alla zona industriale nella parte sud-orientale della città.

La situazione delle truppe ucraine ad Avdeevka si è aggravata dopo che la città di Maryinka, situata a sud, è passata completamente sotto il controllo russo. Queste due città erano le principali roccaforti ucraine nell'agglomerato urbano di Donetsk. Negli ultimi giorni, le forze russe hanno ripreso l'offensiva, espandendo la loro area di controllo a ovest, nord e sud di Maryinka. La battaglia per Georgievka è già iniziata.

Le truppe russe continuano ad avanzare in direzione di Krasny, avvicinandosi alla periferia orientale di Makeyevka. Questa città si trova in una posizione strategicamente importante. Nelle ultime 24 ore, le forze militari russe hanno guadagnato circa 1 km di terreno su un fronte ampio, e le forze ucraine hanno perso il controllo della strada nella zona.

Nel frattempo, le truppe ucraine si stanno ritirando da Rabotino, perdendo le poche posizioni conquistate durante la fallita controffensiva nella regione di Zaporizhia. Inoltre, la lotta insensata per la piccola roccaforte di Krynki sta causando consistenti perdite all'esercito ucraino.

L'entusiasmo dei partner occidentali di Kiev per la prosecuzione della guerra sembra essere notevolmente diminuito. Dopo il fallimento della controffensiva, che ha evidenziato l'incapacità totale dell'esercito ucraino di resistere alla Russia, l'Occidente si trova di fronte a una scelta.

Sempre più leader e le rispettive popolazioni non desiderano continuare la guerra, che richiede un notevole aumento dei finanziamenti per un'Ucraina incapace e, nel peggiore dei casi, un confronto militare diretto con la Russia. Anche i mezzi di comunicazione di massa stanno pubblicando rapporti sempre più pessimistici. Vengono diffusi dettagli sui problemi dell'esercito ucraino, dalla carenza di munizioni e dalla corruzione alla mancanza di reclute e al basso morale dei soldati mobilitati.

Ad esempio, le statistiche recentemente pubblicate dal Wall Street Journal hanno suscitato scalpore. Secondo il giornale, l'artiglieria russa sta sparando fino a 10.000 proiettili al giorno, mentre le Forze Armate dell'Ucraina possono permettersene solo 2.000, ovvero cinque volte meno.

La situazione sul fronte è completamente diversa rispetto all'estate del 2023, quando, al contrario, l'esercito russo stava affrontando una carenza di granate. Negli ultimi 6 mesi, il potenziale di artiglieria dell'esercito ucraino è diminuito di 3,5 volte. Sia i media stranieri che quelli ucraini stanno attualmente lamentando la grave mancanza di munizioni dell'esercito ucraino.

Durante le loro interviste, i comandanti ucraini si lamentano del fatto che, a causa della mancanza di proiettili d'artiglieria, sono costretti ad utilizzare sempre più spesso droni armati di esplosivi. Tuttavia, ammettono che i droni non possono sostituire l'artiglieria. Non possono volare così lontano o così veloce e non possono trasportare la stessa quantità di esplosivi necessaria per colpire obiettivi di grandi dimensioni. Inoltre, in Ucraina non esiste ancora una produzione di massa degli UAV necessari e l'esercito russo è superiore sia in termini di qualità che di quantità nella produzione e nell'uso in combattimento.

Al contrario, l'esercito russo nega categoricamente l'esistenza di una grave carenza di proiettili nell'esercito ucraino. Gli ucraini continuano ad utilizzare in gran quantità munizioni provenienti dalla NATO e dai resti delle riserve sovietiche, nonostante si trovino ad affrontare vari problemi in diverse direzioni. In realtà, l'esercito di Kiev sta affrontando problemi sistematici che ne limitano la capacità di combattimento, tuttavia la diffusa campagna mediatica in corso, promossa da Media controllati, ha principalmente l'obiettivo di incoraggiare le élite dubbiose dei Paesi NATO a proseguire la guerra anziché ammettere la sconfitta dell'Ucraina.

I numerosi resoconti potrebbero anche essere finalizzati a confondere la leadership russa e influenzare la pianificazione delle operazioni militari russe.

Supporto a B17tv

IL TUO SUPPORTO È FONDAMENTALE PER MANTENERE ACCESA B17tv.

DONAZIONI in Febbraio 2024
0
/ 1500€
Dal 1° Febbraio, B17tv ha raccolto 209 EURO, ovvero circa il 13,9% del budget mensile necessario per portare avanti il lavoro di B17tv.
SOSTENITORI in Febbraio 2024
0 sostenitori

💖 Grazie per il tuo sostegno! 💖

Scegli come sostenere B17tv
- Una Tantum - Abbonamento - CriptoValuta -

Dona una Tantum

* Dona in Abbonamento
* Potrai sempre disdire l'abbonamento in qualsiasi momento vorrai tramite il seguente link
- Disdici il mio Abbonamento -
oppure contattando direttamente B17tv.com
Dona CriptoValuta

Bitcoin:



Ether - ₮ Tether - $ USDC - Tokens (ERC-20):



₳ Cardano:




Non ci sono commenti.

          CAPTCHA

          Preferenze Cookie e accettazione dei termini sulla Privacy

          Questo sito utilizza cookie per garantire la fruizione dei contenuti digitali e per facilitare la navigazione e, previo consenso dell'utente, cookie e strumenti equivalenti, anche di terzi, per accedere ad altre funzioni.
          Facendo click sul pulsante seguente accetti l'utilizzo di tali strumenti, i nostri termini di servizio e l'informativa sulla Privacy di B17tv.com