La situazione in Medio Oriente peggiora.

Omicidi mirati e bombardamenti aumentano la tensione

Una serie di omicidi commessi da Israele e Stati Uniti ha intensificato le tensioni con l'Asse della Resistenza guidato dall'Iran, portando il Medio Oriente sempre più vicino a una guerra totale. L'escalation è iniziata il 25 dicembre, quando un attacco ha colpito la casa del comandante in capo del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica iraniano, il generale di brigata Seyed Razi Mousavi, nella città di Set Zaynab, a sud della capitale siriana, Damasco, uccidendolo sul colpo.

Il successivo assassinio ha preso di mira Saleh Al-Arouri, vice leader del Movimento di Hamas. Al-Arouri è stato ucciso insieme ad altri sei membri di Hamas, tra cui due comandanti delle Brigate Izz ad-Din al-Qassam, in un attacco aereo che ha colpito un ufficio del gruppo palestinese nel sobborgo meridionale della capitale libanese, Beirut, nota roccaforte di Hezbollah, il 2 gennaio.

Hamas e Hezbollah hanno attribuito la responsabilità degli omicidi a Israele e hanno giurato che non rimarranno impuniti. L'onda di omicidi non si è limitata alla Siria e al Libano.

Il 4 gennaio, Mushtaq Talib "Abu Taqwa" al-Saidi, un alto comandante di Hezbollah al-Nugiaba, è stato ucciso da un drone che ha attaccato un quartier generale delle Forze di Mobilitazione Popolare nella parte orientale della capitale irachena, Baghdad. Gli Stati Uniti hanno confermato di essere dietro gli omicidi e i funzionari del Pentagono hanno affermato che Abu Taqwa era responsabile di diversi attacchi recenti contro le forze americane in Iraq e Siria.

Le fazioni armate irachene sostenute dall'Iran hanno giurato di vendicare l'assassinio, mentre il Primo Ministro, Mohammed Scià Al Sudani, ha dichiarato che il Paese inizierà i preparativi per porre fine alla della presenza delle basi americane sul loro territorio.

Un altro omicidio è avvenuto l'8 gennaio. Wissam al-Tawil, un alto comandante delle Forze Redwan di Hezbollah, è stato ucciso in un attacco di un drone che ha preso di mira la città di Khirbet Selm, nel sud del Libano. Israele non ha rivendicato la responsabilità, ma è stato ritenuto responsabile da Hezbollah.

Nello stesso giorno, Israele ha dichiarato di aver assassinato un altro importante comandante di Hamas, Hassan Akasha, nella città di Beit-Jinn, nel sud della Siria. Ha affermato che il comandante era responsabile dei recenti attacchi sulle alture occupate del Golan.

In un'altra escalation, il 9 gennaio, Israele ha affermato di aver assassinato il comandante dell'unità di droni di Hezbollah, identificandolo come Ali Hussein Burji. Tuttavia, Hezbollah ha affermato che Burji, ucciso in un attacco di droni a Khirbet Selm, era solo un normale combattente. Gli omicidi, che probabilmente avevano lo scopo di intimidire i comandanti dell'Asse della Resistenza, hanno invece acuito le tensioni in Medio Oriente.

Gli attacchi contro Israele e le forze statunitensi nella regione sono già aumentati e la minaccia di una guerra totale è diventata seria quando il 12 gennaio, Stati Uniti, Regno Unito e altri alleati hanno lanciato attacchi contro gli Houthi (Ansar Allah) nello Yemen, dando di fatto inizio a un altro fronte insostenibile.

Gli Houthi, che controllano gran parte della costa yemenita del Mar Rosso, fanno parte del cosiddetto "Asse della Resistenza", guidato dall'Iran. Il gruppo ha recentemente attaccato navi commerciali legate a Israele o dirette a porti israeliani e si è impegnato direttamente contro la Marina statunitense nel Mar Rosso, lanciando missili balistici antinave e impiegando droni suicidi contro navi da guerra statunitensi e britanniche.

I recenti attacchi sono stati una risposta all'offensiva militare condotta da Israele nella Striscia di Gaza, che ha causato un elevato numero di vittime civili, soprattutto donne e bambini. Gli Stati Uniti continuano a sostenere attivamente questa guerra. Il presidente Joe Biden ha affermato di aver ordinato gli attacchi nello Yemen come risposta diretta alle azioni senza precedenti degli Houthi contro le navi internazionali nel Mar Rosso. Anche il primo ministro britannico, Rishi Sunak, ha dichiarato che questi attacchi sono necessari e proporzionati.

Gli Stati Uniti hanno rivelato che Australia, Bahrein, Canada e Olanda hanno sostenuto l'operazione militare nello Yemen, presentandola come parte di un'azione internazionale per garantire il libero transito delle navi in una rotta strategica che rappresenta circa il 15% del traffico marittimo mondiale, tra Europa e Asia.

Il generale di divisione Alex Grynkewich, comandante delle forze aeree statunitensi nella regione, ha affermato che le forze statunitensi e della coalizione hanno condotto attacchi mirati su oltre 60 obiettivi in 16 diverse località controllate dai militanti Houthi, sostenuti dall'Iran. Gli obiettivi colpiti includono centri di comando e controllo, depositi di munizioni, sistemi di lancio, impianti di produzione e sistemi radar di difesa aerea. Secondo il generale statunitense, sono state utilizzate più di 100 munizioni a guida laser di diverso tipo durante gli attacchi.

La televisione Al Masirah, controllata dagli Houthi, ha riferito che gli attacchi hanno colpito la base aerea di al-Dailami, a nord della capitale Sanaa, l'aeroporto nella strategica città portuale di Hodeidah, un campo a est di Saada, l'aeroporto nella città di Taiz e un aeroporto vicino a Hagiah. Al momento non è ancora chiaro l'entità dei danni causati. Cinque membri degli Houthi sono stati uccisi e altri sei sono rimasti feriti.

Nonostante gli Stati Uniti abbiano condotto attacchi contro le risorse sostenute dall'Iran in Iraq e Siria sin dall'inizio della guerra a Gaza, questo è il primo attacco noto contro gli Houthi nello Yemen. Gli attacchi contro lo Yemen sono stati condannati da Hezbollah in Libano, dal movimento palestinese Hamas, dall'Iran e da diverse fazioni armate sostenute dall'Iran in Iraq.

Nella loro prima risposta, gli Houthi hanno dichiarato che l'attacco non era giustificato. Il gruppo ha anche promesso di rispondere e di continuare a colpire le navi dirette verso Israele. Gli Houthi, che si sono rafforzati durante la guerra contro i Sauditi, possiedono avanzate capacità offensive a lungo raggio e sono considerati uno dei più stretti alleati dell'Iran. Gli attacchi contro il gruppo si ritorceranno sicuramente contro di loro.

Gli Stati Uniti, il Regno Unito e gli altri alleati potrebbero presto trovarsi di fronte a un'altra guerra non vinta nello Yemen, che potrebbe costare loro molto di più delle guerre in Afghanistan e in Iraq.

Supporto a B17tv

IL TUO SUPPORTO È FONDAMENTALE PER MANTENERE ACCESA B17tv.

DONAZIONI in Febbraio 2024
0
/ 1500€
Dal 1° Febbraio, B17tv ha raccolto 209 EURO, ovvero circa il 13,9% del budget mensile necessario per portare avanti il lavoro di B17tv.
SOSTENITORI in Febbraio 2024
0 sostenitori

💖 Grazie per il tuo sostegno! 💖

Scegli come sostenere B17tv
- Una Tantum - Abbonamento - CriptoValuta -

Dona una Tantum

* Dona in Abbonamento
* Potrai sempre disdire l'abbonamento in qualsiasi momento vorrai tramite il seguente link
- Disdici il mio Abbonamento -
oppure contattando direttamente B17tv.com
Dona CriptoValuta

Bitcoin:



Ether - ₮ Tether - $ USDC - Tokens (ERC-20):



₳ Cardano:




Non ci sono commenti.

          CAPTCHA

          Preferenze Cookie e accettazione dei termini sulla Privacy

          Questo sito utilizza cookie per garantire la fruizione dei contenuti digitali e per facilitare la navigazione e, previo consenso dell'utente, cookie e strumenti equivalenti, anche di terzi, per accedere ad altre funzioni.
          Facendo click sul pulsante seguente accetti l'utilizzo di tali strumenti, i nostri termini di servizio e l'informativa sulla Privacy di B17tv.com